La 100miglia dei Magredi di Michele

Magredi Mountain Trail
Magredi Mountain Trail

Pubblico più che volentieri il bellissimo racconto di Michele Piatto della sua Magredi Mountain Trail.

La MMT è stata la sua prima 100Miglia (160kilometri): una gara ricca di emozioni, che credo Michele sia ben riuscito a trasmettere… vai Michele!


Il giorno prima esco dalla fabbrica, mi siedo sotto un cespuglio e osservo il pane, le lenticchie ed i pomodori che mi ero portato da casa. Appoggio il caffè a terra, me ne voglio stare un po’ da solo ed in silenzio.

Penso alla gara che mi aspetta. 100 miglia, si chiama 100 miglia ed in italiano si traduce in 160 chilometri…in montagna, di notte, di giorno, di notte. Sono previsti 7800 metri di dislivello, 7800 su e 7800 giù. E non mi spaventano. E vorrei farli subito, per evitare di dover passare un’altra notte rigirandomi sul letto… pensando. Il meteo è buono e guardo il Carso, guardo a nord.

Tempo magnifico per correre.

Il San Michele è là, lo osservo con calma. Monte di morte per molti, per me è allenamento, ne ho rispetto e lui mi restituisce forza.

Sono già le 18:00 e siamo sulla linea di partenza. “Sogna in grande e osa fallire”. Sento lo sparo, e partiamo.

In un baleno usciamo da Vivaro ed entriamo in campagna. E subito dopo entriamo nei Magredi. I luoghi mi sono famigliari, ci sono stato a giugno in questi posti, faceva molto caldo, era un’altra cosa. Guardo attorno a me. Il tempo si ferma e mi rendo conto della fortuna che mi è capitata.

Tommaso mi ha chiamato martedì: “Vuoi il pettorale per la MMT100? Sono reduce del Tor e del Trail degli Eroi e le mie ernie chiedono un’attimo di rispetto e pace”. Ho accettato, irrazionalmente ho ascoltato il mio IO , quello che ho dentro, Lui sapeva che potevo farcela. Tommaso: “che ritmo tieni in una 80 in piano?”

Io: “mai fatta, il mio massimo è stata la Cormorultra di 3 anni fa”. Ma non voglio dire di più, magari Tommaso cambia idea. Sono sereno anche se non sono mai riuscito a correre in Luglio ed Agosto, era già tanto riuscire a mangiare e dormire… la separazione da Cristina è stata molto pesante. È stata dura, non voglio pensarci.

Irrazionalmente ho accettato perché sapevo che la possibilità di farcela era dentro di me. Il mio spirito primordiale me lo diceva, semplice no? Mi guardo attorno, steppa. A nord le montagne. Adoro questi posti. Sono fortunato e mi sento sereno… e felice. La corsa è lenta e mai faticosa.

Dentro di me riecheggiano i Litfiba, Vento: “Sono libeeroo, come il ventoo! Libeeroo!” Canto, dentro me. E ancora penso a Giovanni Lindo Ferretti: “a volte l’infelicità può essere preziosa” ed è vero, l’infelicità dei mesi precedenti mi ha spinto qua…

Si viaggia con le gambe, con la mente. Mi ritrovo a correre nel buio, il sole ci ha lasciati da un po’. Tardo l’accensione della frontale il più possibile, mi piace così tanto quel momento eterno in cui gli occhi si abituano all’oscurità, sembra di essere dei piccoli animali indifesi di fronte al cielo, sempre più scuro.

Arriviamo sul Cellina e lì mi ricordo di Maurizio che mi aveva detto quella cosa del sasso tondo. Lo cerco, sul greto del fiume asciutto da sempre. Deve essere abbastanza piccolo da stare in bocca e devo “sentirlo”. Mi fermo e lo cerco. Molti mi sorpassano, forse pensano che abbia perso qualcosa. Alla fine lo trovo. Un sasso tondo, piccolo ed energetico. Me lo guardo, lo metto in bocca e allargo le braccia, mi servirà per mettermi in sintonia con l’ambiente circostante ed in effetti così sarà.

Prima rampa, vado su, è ripida. Arrivo al ristoro, c’è Raffaella, non sapevo della sua presenza ed è bello che sia rimasta ad aspettarmi. La vedo un po’ preoccupata, forse pensa che sia in coda al gruppo per le mie difficoltà. In verità sto controllando, devo arrivare a Piancavallo riposato e non stanco.

È uno dei consigli che Tommaso mi ha dato, assieme a indicazioni su come e cosa mangiare e su come affrontare una possibile crisi: “Avrai delle crisi, forse, siediti. Rilassati e se devi mollare individua un punto preciso, più avanti in cui farlo: tipo tra due Control Point. Quando sei lì fatti una domanda: Vuoi ancora mollare? Non riesci a farne ancora un paio? La gente che abbandona crolla, dice Basta! Rompi quel meccanismo negativo, dai al tuo cervello la possibilità di modificare il pattern: questo lo fai allontanando l’uscita….Allontanandola all’infinito ma in tratti ben definiti e misurabili. Inganna il tuo cervello!”, Tommaso mi ha regalato ben più che un pettorale.

La sosta al ristoro è essenziale, mangio delle mandorle, saluto e riparto. C’è una salita e poi una lunga discesa non segnalata dalla mappa… Ma è balisata, per cui siamo ancora sul percorso, non vi sono dubbi. Le persone che sono davanti a me non mi piacciono, sento il loro respiro aggressivo ed affannato e le passo, fino ad accodarmi con due corridori che invece avverto come piacevoli.

Parlano di lavoro, ad Oslo, a Trieste, e precedenti 100 miglia… compagnia piacevole, il tempo scorre… Arriviamo in costa alla montagna. Alla nostra sinistra c’è tutta la pianura friulana. Mille luci tremolanti per l’aria umida e calda che sale nella notte blù. Silenzio interrotto solo da qualche rumore che arriva dalle valli. Non si capisce perché certi rumori siano così chiari mentre altri appaiono indistinti.

Comunque, grande pace interiore.

Michele PiattoIl rumore dell’erba nelle mie gambe, la luna appena appena. Arriva un altro ristoro, mangio delle mandorle, troppe, e bevo acqua, fredda. Riparto un po’ confuso, non va bene. Ascolto il mio corpo, le mandorle e l’acqua fredda non sono state una buona scelta, mi fermo e metto la giacca. Guai a prendere una congestione. Rallento per un po’, devo rimettermi in sento. Passa un oretta e ritorno a posto, per fortuna ho saputo ascoltarmi.

Gioco con la lingua ed il sasso tondo ma … mi cade dalla bocca, in mezzo all’erba. Va bene, penso che sia giusto così, mi ha aiutato fino a quando poteva. Ne prenderò un altro quando sarà il momento.

Arriviamo a Piancavallo che sto bene. Poca fatica, qualche metro ed arriviamo alla prima base vita. Una bella baita. Fuori sono 6 gradi, dentro il tepore e cibo e umanità… Mangio di tutto, sto una favola. Felice, riparto cercando le balise che sono un po’ scarne in questo punto, ma sicuramente perché sono state portate via da qualche bipede, l’organizzazione fino ad ora è stata perfetta, vorrei abbracciarli ad uno ad uno, i volontari. In breve ritrovo la via. Adesso per un po’ si cammina e si corre in una grande strada sterrata in mezzo al bosco.

Passa il tempo, bevo, mangiucchio. Ad un certo punto avverto più forte che mai il silenzio del bosco. Mi fermo, spengo la frontale ed ascolto. Silenzio, gli occhi si allargano e si muovono senza far rumore. C’è la luna giusto dietro i pini scuri a est. Si avverte forte e chiara la notte.

La notte.

Ci sono dei momenti che durano molto più di un momento. Questo è uno di quelli. Poi, capisco che è ora di ripartire. Arrivo ad un ristoro dove mi scaldo con un the. I ragazzi sono super gentili. Chiedo notizie sulla truppa, i primi sono passati ore prima. Onore al merito, ognuno al suo posto in questo mondo. Scendo rapido per una specie di scarpata terrosa. Le Cascadia non ce la fanno più, le suole sono dure, un passante dei lacci cede, dovrò cambiarle all’ottantesimo. Nessun problema, una vescica in più non ammazzerà nessuno. Arrivo al ristoro del 55esimo, sono sereno e tranquillo. Arrivo e trovo Raffaella. È un angelo ad aspettarmi.

Là vedo Enrico, si è ritirato, evidentemente non è giornata per lui. C’è anche Ezio, fermo con gli occhi bassi, capisco che la sua gara è finita qua. Mi aveva preso per il culo alla partenza perché non avevo neanche fatto in tempo ad acquistare i bastoncini, tanto la partenza era last minute. Potrei tornare la battuta…ma sarebbe cattiveria. Mi spiace vederlo fermo, leggo i suoi occhi un po’ tristi e capisco che mollare è sempre una sconfitta. Ci saranno altre occasioni. Riparto con buona lena.

Discesa ed arriviamo a Maniago che sto bene. Arrivo canticchiando, Raffaella sorride. Mi fermo ai servizi del ristoro, mangio e bevo. Ripenso a quando sono venuto qualche anno prima in quel teatro lì difronte, ad ascoltare Paolini. E poi penso ai tornei di scacchi che si fanno nel circolo lì dietro.

Michele Piatto

Michele Piatto

Si riparte subito per una salita molto ripida, mantengo un ritmo un po’ più vivace di prima ed in breve scolliniamo. Una bellezza, alba e montagne nello sfondo. Sto benone. Ringrazio mentalmente. Si corricchia nell’erba, per fortuna ho messo last second le calze alte. Non so perché l’ho fatto, io che corro sempre con le calze basse, ma è stata la scelta giusta.

Evito il massaggio delle ortiche, evito lo struscio dell’erba umida. Piccole cose che fanno la differenza. I chilometri che seguono li faccio come in tranche, senza sapere dove sono, senza coscienza “esterna” ai pensieri del momento. Il corpo va avanti quasi da solo in modo meccanico ed automatico.

E’ come se fossi in autostrada con la macchina che avanza senza curarsi della velocità o distanza percorsa. Il ritmo è tranquillo ed ad certo punto mi ritrovo a Poffabro, metà gara.

Sento un po’ la stanchezza ma quella giusta. Ho già superato il mio massimo chilometraggio, il motore funziona a bassi giri e tutto va bene. Ho fame. C’è la pasta al ragù che mi guarda, mi faccio ammaliare. Mangio. E vicino ci mangio il salmone che mi ero portato da casa. Cambio le scarpe, metto le Pegasus che, sofferenti, perderanno anche loro qualche pezzo di suola per strada. Mi asciugo e riparto.

La scelta del pasto è stato un errore (come d’altronde sapeva la mia testa ma non la mia gola) e vado incontro a due ore di passeggiata. Di correre non se ne parla. Aspetto fiducioso di digerire il malloppo fino al centesimo km più o meno.

Il garmin è già passato a miglior vita, ha un’autonomia minore di un essere umano.. penso e sorrido.

Al centesimo c’è una specie di km verticale, un dislivello di 1100 metri in tre km. Lo affronto con rispetto. È mezzogiorno e fa caldo, sudo copiosamente. Il sentiero sale e io con lui. Non mi scompongo, so che è dura ma lo è per tutti. Il primo è passato qui cinque ore fa. Mito. Si scollina e si corricchia in cresta fino ad arrivare alla baita con il ristoro. Una bella baita rifugio.

Dentro c’è di tutto, del salame mi guarda, tentatore, ma non mi faccio fregare ancora, in un’altra occasione lo avrei fatto fuori tutto e amen per i brufoli.

Sgranocchio le cose mie e sto al caldo del caminetto a godermi le persone, gli occhi, le mani, i gesti. Che bello.

Uomini in silenzio, l’aria è densa di rispetto. Riparto in discesa con un gruppetto che mi farà compagnia per un po’. Alla fine arrivo al Lago del Ciul e lì ritrovo Raffaella e Marco. Che gioia vederli. Corricchio con loro, sto bene.

Mi dicono che sto risalendo la classifica, ero 90esimo, poi 40esimo adesso sono tra i primi 30. Faccio la mia gara, questa arriva dopo l’avventura, ma mi piace prendere posizioni. Magnifico. Mangiucchio, li saluto.

Voglio riprendere il gruppetto di prima e corro con un buon ritmo. Appena li trovo mi accodo e cammino. Forse potrei osare a correre ancora, ma è la mia prima ultra, forse è meglio volare basso… Entriamo in galleria e giochiamo a evitare le pozzanghere. Arriviamo ad un ristoro e subito si riparte in discesa.

È più forte di me, allungo il passo e corro con un buon ritmo, il gruppetto rimane dietro. Prendo altri due corridori e quasi vorrei accodarmi per ri-respirare un attimo… non se ne parla, mi vogliono davanti. Li passo ed allungo. Comincio ad essere stanco, ma mentalmente sto bene.

Penso che mancano solo 50 km, sembrano tanti ma so che arriverò. Solo un infortunio potrà fermarmi.

Tramonti di sotto, 123esimo km.

Ivan Cudin

C’è Cudin che serve la pasta. Avverto la serenità dell’uomo, gli chiedo consigli nutrizionali, è super gentile e mi risponde con calma, con passione.

Riparto, ma le gambe sono dure, di colpo. Che strano… Vado avanti pensando alle mie cose ed ad un certo punto capisco che non ci sono balise. C’è un bivio. Non ci sono balise. Ergo, sono sulla strada sbagliata.. Ufh. Va beh, torniamo su, correndo, in salita, con rabbia. Ritrovo la via e cammino. Oramai devo gestire le forze. Penso a Maurizio, penso alle corse sul Carso, al San Michele, penso alle mie api, faccio passare il tempo.

Di colpo arriva nuovamente. La notte. La seconda notte in giro per boschi.

Case sonnacchiose, animali nascosti. Si sente solo qualche verso di uccello. Cammino ed arrivo ad un ristoro, oramai riconosco la sagoma di Raffaella che anche lei è emozionata dal tempo passato, dalla fatica, dal sonno che però non può fermarmi. Mi aspetta. Ripropongo urlando il buon vecchio Pavarotti: “all’alba vincerò, vincerò, vinceeròò…!” ma sono le 8/9 di sera… Momenti di incredula ilarità, ma anche serenità. Che bel ristoro, tutto così umano, una vecchia casa di montagna, in pietra, un armadio ad angolo, un pavimento in cotto veneziano. Mangio e sorrido.

La stanchezza è presente ma oramai mancano un 30km e so che arrivo, che Vivaro è lì, vicino, per cui… felicità!

Me la gusto, me la godo. Riparto bello carico, gambe stanche ma cuore forte. Rimane da scendere le montagne prima dei Magredi, lo faccio veloce. I piedi soffrono le vesciche e le gambe sono in acido lattico ma è la noia la parte più dura, sono da solo da molto tempo e vorrei compagnia, una buona compagnia. Guardo il cielo e le ombre. Bello.

Trovo un ristoro e subito dopo è l’ora dei Magredi, della pietraia. Voglio compagnia, chiamo Maurizio e lo gaso, sto per arrivare, gli dico che sono stanco ma non mollerò. Lui sa che arriverò, io pure. Chiamo Cristina per dirle cosa sto facendo. Chiudo subito le chiamate, ho poca batteria, so che anche loro sono con me e con i miei sforzi. Sui Magredi siamo in tanti!

Mi fermo e cerco un sasso tondo. Non trovo quello giusto ma vedo un arbusto secco e mi metto a cercare sotto, tra le sue radici. Sì, lo trovo, un bel seme, energetico. Lo osservo e lo metto in bocca. Ritrovo vigore e riparto lento a camminare, che manca ancora un po’.

Cammino nella notte in un fiume in secca, un sabato sera un po’ diverso dal solito… Di colpo arrivano anche loro, le allucinazioni. Mentre cammino osservo le strisce bianche e rosse dei segnali del percorso, si muovono con la scarna aria della notte e subito dopo si trasformano in un uomo che si agita.

A destra invece vedo i rami di un arbusto secco muoversi e divenire braccia di persone, di bambini che si contorcono. Ma non ho paura, la mia parte cosciente osserva e registra, sono in una fase tra la veglia ed il sonno, due personalità che convivono. Sorrido. Avventura piena, non manca nulla! Oramai mancheranno solo 6/7 km…

Mi chiama Raffaella: mi verrà incontro per fare l’ultimo pezzo assieme. Bene, avrò compagnia. Sono abbastanza stanco e di correre non se ne parla nemmeno, si che il fondo è piatto e non ci sarebbero problemi in altre occasioni… Avanzo a fatica. Devo fare la pipi e non mi sposto nemmeno dal centro del percorso.

Mi fermo e mi guardo attorno. Non ci posso credere! Da dietro vedo arrivare una luce fioca sobbalzante… La frontale di uno dietro! Uno che vuole farmi le scarpe! A pochi km dalla fine… Non se ne parla, mi sistemo e riparto correndo. Non mollerò, riparto con una velocità inaspettata.

Dopo un 3/4 km trovo Raffaella che incredula mi chiede perché corro, non ero distrutto? Le spiego cosa sta succedendo, sorridiamo e assieme avanziamo con un ottimo ritmo, la luce alle nostre spalle si affievolisce fino a sparire, ma oramai non si molla, dobbiamo arrivare a Vivaro correndo!

Ed arriva l’asfalto degli ultimi 2 km, e sento la gioia arrivarmi addosso, sopra tutta l’emozione degli ultimi due giorni.

Il gonfiabile dell’arrivo è lì e ci passo sotto e mi fermo, dopo trenta ore, mi fermo.

Magredi Mountain Trail

Il giorno dopo esco dalla fabbrica e mi siedo sotto un cespuglio, appoggio per terra il pane ed il salmone avanzato dai ristori.

Guardo il San Michele, c’è un bel sole tiepido. Sorseggio il caffè e penso a Tommaso che mi diceva che dopo una 100 miglia la tua vita cambia. Credo sia vero, non lo so perché, ma credo sia così. Sono svuotato da inutili preoccupazioni.

Guardo il San Michele.

racconto di Michele Piatto

  • Valentina

    Un racconto pieno di trasporto e di passione per la vita e per la corsa, che riesci a trasmettere regalandoci un pezzetto di te. Grande Michele!!!

  • orzowei

    Michele, te son grande !!

  • Tommaso

    Bravo Michele!

  • Daniele Daclon

    Sempre fierissimo di Te.
    Un caro abbraccio

    Daniele

  • Michele

    Grazie a tutti, un abbraccio, ci si rivede per sentieri! 🙂